You Are Here: Home » Consulenze » Valutazione dei rischi

Valutazione dei rischi

SERVIZIO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Art. 17, 28 e 29 del D.Lgs. 81/08.

TARGET

Tutti i settori di attività, privati e pubblici, ove sia presente almeno un lavoratore dipendente o equiparato (ad es. socio lavoratore o stagista).

SANZIONI

In caso di inadempimento, il datore di lavoro è punibile, a seconda dei gradi di irregolarità, con:

  • un’ammenda che può raggiungere un massimo di € 6.400;
  • l’arresto fino a 6 mesi;
  • la sospensione dell’attività lavorativa.

 

MODALITÀ DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO

Il consulente tecnico incaricato del servizio procede secondo le seguenti fasi:

  1. effettua uno o più sopralluoghi (presso gli insediamenti del Cliente) allo scopo di:
  • raccogliere i dati e le informazioni necessarie;
  • verificare la documentazione presente;
  • visitare i locali di lavoro.
  1. redige il Documento di Valutazione del Rischio, contenente:
  • una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa;
  • l’indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione;
  • il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza;
  • l’individuazione delle procedure per l’attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell’organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri;
  • l’indicazione del nominativo del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) o di quello territoriale, e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio;
  • l’individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento.

NOTE AL SERVIZIO

Il consulente tecnico, ove necessario, proporrà anche documentazione allegata (ad esempio: facsimili di nomine e/o di comunicazioni varie a dipendenti od autorità di competenza, fascicoli informativi per i lavoratori, ecc.).

L’aggiornamento del Documento di Valutazione del Rischio deve essere effettuato almeno in occasione di variazione di:

  • livelli di rischio;
  • processi di lavoro;
  • normative vigenti.

Di fatto si consiglia almeno una revisione annuale al fine di un monitoraggio costante e il più possibile corrispondente agli adempimenti normativi.

© 2013 Grupposalt, P.IVA 05960750965



Creazione Siti WebSiti Web Roma
Scroll to top